CONOSCENZA, SCIENZA, E FILOSOFIA 
Profili di scienziati e filosofi della scienza
da Talete alla fisica contemporanea
di Vincenzo Brandi

PERCHÉ UN LIBRO SU CONOSCENZA, SCIENZA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA
CONOSCENZA E VERITÀ: RAGIONANDO SU UN SAGGIO DI COSTANZO PREVE
Scrivi a Vincenzo Brandi
Profilo di Vincenzo Brandi.

Vincenzo Brandi, laureato in ingegneria chimica, ha svolto per quarant’anni un’attività di ricerca
scientifica e tecnologica in un grande istituto di ricerca pubblica, prima nel settore nucleare e della
chimica del sodio liquido, e successivamente nel campo delle energie alternative, delle pile a
combustibile e dell’uso dell’idrogeno come combustibile. Ha militato in varie formazioni e partiti di
sinistra, ed attualmente fa parte di gruppi pacifisti antimperialisti. Si è sempre battuto per una
scienza razionalista e laica, basata sull’esperienza e sui fatti.
Se hai effettuato il bonifico di almeno 15€ sul c/c con codice IBAN: IT32U0100503385000000001528 intestato a Vincenzo Brandi
compila il modulo sottostante con le indicazioni di spedizione.
e. mail importo versato €. nome e cognome
Persone a cui vuoi inviare i libri
n. Libri nome       cognome       indirizzo (via, p.zza ecc.) n.
civico
c.a.p. città       provincia
PREFAZIONE:

Questo libro contiene 125 brevi articoli che tracciano un percorso che, attraverso il profilo di alcuni uomini di scienza e di filosofi che si sono interessati di problemi connessi alla conoscenza scientifica, descrive lo sviluppo dei tentativi razionali dell’umanità di conoscere il mondo reale e materiale che ci circonda.

Ma questo libro non vuole essere una piccola enciclopedia che distribuisce pillole di sapere, tipo il famoso manuale Bignami usato da studenti, che non avendo approfondito la materia, si servivano di quei brevi riassuntini compresi nel manuale per poter affrontare un’interrogazione; né tantomeno è un testo scolastico, perché è un testo di parte, anche polemico se necessario, che procede con giudizi netti.

Esso vuole riproporre l’unico criterio valido per ogni tipo conoscenza e di ricerca della verità. Questo criterio riguarda sia la nostra conoscenza comune di tutti i giorni (come quella accessibile anche alla mitica “massaia di Vigevano” che ha fatto solo le elementari) sia la Scienza più elevata. Questo criterio è quello basato sui fatti concreti accertati e sull’esperienza, cioè sui fatti che percepiamo con i sensi e che poi registriamo nella nostra mente, e su cui poi ragioniamo. Questo criterio è tanto più necessario nel mondo d’oggi in cui circolano una miriade di teorie pseudo-scientifiche fantasiose, pregiudizi e credenze irrazionali. Anche a livello dell’informazione quotidiana, abbondano notizie false o manipolate diffuse dai media a livello di massa.

Insomma questo libro vuole sostenere il punto di vista del Realismo e della Scienza Sperimentale che ha avuto il suo esponente più famoso nel nostro Galilei, che si fidava di più di quello che vedeva nel suo cannochiale, rispetto a quanto scritto nei testi sacri; ma anche di scienziati teorici come Newton o Einstein che non hanno mai perso di vista la realtà fisica che ci circonda. E’ il punto di vista anche di chi, pur non essendo scienziato, si affida al “Buon Senso” comune (il riferimento ad una nota opera dell’illuminista D’Holbach con lo stesso titolo non è casuale!).

Gli articoli hanno un carattere necessariamente sintetico e divulgativo in quanto scritti, sotto forma di rubrica mensile, a partire dal giugno 2011, per la rivista “La Voce del G.A.MA.DI.”, rivista mensile, inizialmente cartacea, ed ora on-line curata dall’amico Roberto Gessi.

G.A.MA.DI. (Gruppo Atei Materialisti Dialettici) è un’Associazione impegnata nella divulgazione di concetti ed atteggiamenti realisti, materialisti e razionalisti, scevri da ogni suggestione di carattere irrazionalista o mitico-religioso, e da qualsiasi tentazione “idealista” (nel senso filosofico del termine), secondo cui la realtà non esiste fuori di noi, ma solo nella nostra mente. L’Associazione è stata fondata dall’ex-partigiana Miriam Pellegrini Ferri e dal compianto marito Spartaco, anch’egli ex-partigiano.

Nel tratteggiare i vari profili e svolgere i vari argomenti non ci si è astenuti, quindi, dal sottoporre a forte critica le posizioni di filosofi e scienziati, anche molto famosi, che abbiano espresso posizioni idealiste (come Platone, Hegel o Benedetto Croce), o irrazionaliste (come Nietzche, Heidegger o Bergson), o che comunque contengano elementi idealisti e metafisici (come lo stesso Aristotile, Cartesio o Kant).

Una critica serrata è svolta anche a moderni filosofi, di moda, che sostanzialmente negano il carattere oggettivo della Scienza Sperimentale (come Popper, Kuhn, Duhem, Lakatos, Quine, Hanson, Goodman, ecc.), o “pragmatisti” (come Pierce, James e Dewey) per cui non è la verità che conta, ma il risultato. Diceva Bertrand Russell nella sua “Storia della Filosofia Occidentale” che sarebbe stato meglio che molti filosofi che hanno fatto solo confusione non fossero mai esistiti. Come ex ricercatore scientifico, convinto che la conoscenza empirica e la Scienza Sperimentale, pur con i loro limiti, siano l’unica forma di conoscenza e verità di cui possiamo disporre, non posso non essere d’accordo con Russell.

Un particolare interesse è indicato in questo libro verso quei filosofi greci della natura (come Talete, Anassimandro, Democrito) che 2500 anni fa inventarono una filosofia razionalista di incredibile “modernità”, operando la più grande rivoluzione culturale della storia umana, ed i filosofi, che pur tra molti errori e contraddizioni, hanno praticato filosofie realiste, materialiste ed empiriste: da Bernardino Telesio, a Bacone, Giordano Bruno, Gassendi, Locke, Hume, Condillac, Stuart Mill, Engels, Russell, i membri del Circolo di Vienna, ecc. fino al nostro Ludovico Geymonat, della cui opera monumentale sulla “Storia del Pensiero Scientifico e Filosofico”, edito da Garzanti all’inizio degli anni ’70 del secolo scorso, ci siamo ampiamente serviti.

Torneremo più in dettaglio su questi temi nelle conclusioni, in cui si parla anche dell’investigatore Poirot, di Giudici che condannano innocenti e di schiavi incatenati in una caverna. Il lettore che non se la senta di leggere tutti i 125 articoli raccolti nel libro (che servono essenzialmente come esempi ed elementi del discorso complessivo che si è voluto costruire) possono anche saltare direttamente alle conclusioni (salvo fare marcia indietro per affrontare argomenti specifici).